Loredana Benni

Benvenuti e grazie per aver visitato il mio sito!
Logo Loredana Benni

Sono nata a Roma, vivo tra Venezia e Cagli, un piccolo paesino delle Marche ai confini con l'Umbria e poco lontano dalle colline del Montefeltro.

Sono iscritta al Registro Internazionale della Fondazione Edward Bach con la qualifica di BFRP (Bach Foundation Registered Practitioner) e BFRAP (Bach Foundation Registered Animal Practitioner) e Insegnante BIEP (Bach International Education Programme), Programma di Formazione Internazionale sui Fiori di Bach promosso e riconosciuto dal Bach Centre, UK.

Per anni mi sono interessata di attività a favore della salute ambientale e umana. Ho collaborato con l’associazione culturale Amina di Mestre, fondato una cooperativa sociale Anima Mundi onlus (VE) di cui ne sono stata Presidente e con la quale ho realizzato progetti ambientali e alimentari in collaborazione con il Comune di Venezia. Sono stata presidente di AIAB Marche fino al 2013 condividendo i progetti con AIAB Nazionale, Legambiente Ancona e tante altre realtà sensibili a queste tematiche.

Negli ultimi anni mi dedico particolarmente ai corsi BIEP e alle consulenze individuali anche per gli amici a quattro zampe.
Collaboro con "Il Centro di Medicina Integrata Palladio" a Mestre e "Il Centro Olistico Il Risveglio" a Cagli.

Profilo Completo

Il mio incontro con i Fiori di Bach fu quasi "casuale".  Credo che per ognuno di noi arrivi un momento in cui l'anima comincia a fare troppo "rumore" e allora bisogna fermarsi ad ascoltarla. E' un nuovo stato che si percepisce forte e chiaro. Qualcosa cambia dentro di te e non è più possibile tornare alla condizione iniziale...ma cosa fare? Da dove partire? 
Ecco che allora si crearono una serie di "coincidenze" che mi portarono nel 1997 a frequentare un corso sui Fiori di Bach, uno dei primi proposti a Mestre. Non sapevo nulla sui Fiori né tantomeno sul Dr. Bach ma sentivo che era giusto partecipare. Infatti, rimasi piacevolmente sorpresa e soddisfatta: qualcuno stava forse parlando la mia stessa lingua.

Mi appassionai a tal punto che continuai a partecipare a diversi corsi sull'argomento e anche a organizzarne tanti altri. In contemporanea iniziai a collaborare con l'associazione culturale di Mestre, Amina “Amici della Natura". L'obiettivo dell'associazione era di sensibilizzare la cittadinanza sull'Agricoltura Biologica, la sana alimentazione e sulle varie discipline olistiche. Riteneva importante la necessità di prendersi cura non solo dell'ambiente ma anche del proprio Sé, nel concetto che il proprio ben-essere passa attraverso l'assunzione della responsabilità della propria vita senza più delegarla agli altri.

La comprensione della salvaguardia del nostro territorio e l'amore per i Fiori di Bach da quel momento camminano in parallelo nella mia vita. Mi sono quindi adoperata in attività e progetti anche istituzionali di sensibilizzazione ambientale che promuovevano l’Agricoltura Biologica come mezzo di conservazione della biodiversità, patrimonio universale di inestimabile valore. Tra questo patrimonio rientrano anche i Fiori di Bach.  L'aver collaborato con AIAB Nazionale (Associazione Italiana Agricoltura Biologica) e la Scuola Esperienziale Itinerante di Agricoltura Biologica e l’aver svolto il triennio di presidenza dell'AIAB Marche (2010-2013) mi ha permesso di entrare in un circuito virtuoso capace di creare cultura sull'argomento.

La primavera del 2002 segnò un altro passaggio importante: sentivo fortemente la necessità di fare chiarezza rispetto a tutte le informazioni sui Fiori di Bach assimilate durante i corsi frequentati nell'arco di quegli anni. A volte ciò che un docente asseriva veniva puntualmente confutato dal docente successivo. Chi aveva ragione? E soprattutto, quale era la sua storia personale di questo medico? Come aveva fatto a individuare proprio "quei" fiori e non altri? Ero curiosa. 

Sentivo che era arrivato il tempo di muovermi e quale cosa migliore se non risalire alla fonte mi avrebbe permesso di fare chiarezza? Sono quindi partita per l'Inghilterra alla volta di Sotwell dove ho iniziato il mio iter di formazione direttamente al Bach Centre. Lì ho dovuto fare un grande sforzo per ritornare alla semplicità tanto cara al Dr. Bach liberandomi di concetti e convinzioni acquisiti e così lontani dal metodo originale, fino a ottenere nel 2003 la qualifica di BFRP, ovvero Bach Foundation Registered Practitioner. 

Nel 2006 sono diventata Formatore del Programma Internazionale sui Fiori di Bach (BIEP) e oggi sono insegnate di 1°, 2° e 3° Livello e marker di 3° Livello. 

Nel 2012 ho conseguito la qualifica di Bach Foundation Registered Animal Practitioner (BFRAP) per usare il metodo anche per i nostri amici a quattro zampe. 

Parallelamente all’attività di insegnate BIEP svolgo consulenze individuali  nello studio di Mestre, presso Il Centro di Medicina Integrata Palladio, e a Cagli, presso Il Centro Olistico Il Risveglio.

Nella mia esperienza professionale con i Fiori di Bach mai come in questo ultimo periodo ho visto mamme che chiedono aiuto per i loro bambini la cui iperattività compromette il loro andamento scolastico, la qualità del rapporto con i loro coetanei e con gli adulti.  Meg Blackburn Losey li ha definiti "Bambini di Adesso". Anche io amo definirli così, dove l'Adesso non è semplicemente un avverbio di tempo ma uno stato dell’Essere differente rispetto alle generazioni passate. E' proprio questa differenza a creare loro tutte le difficoltà relazionali e scolastiche dove i Fiori di Bach si rivelano essere un valido sostegno. 

A distanza di anni, oggi posso ringraziare quel “rumore" iniziale che mi ha portato a uscire dalla mia zona di confort e oggi a svolgere una professione che amo e mi appassiona. I corsi e gli studenti sono un continuo stimolo allo studio del Metodo che non ha bisogno di informazioni aggiuntive ma di ascolto e di cuore per scoprire, nelle semplici definizioni originali del Dr. Bach, tutta la sua grandezza e la sua profondità. Il Metodo lavora sui nostri “cuori spettinati" in modo delicato e rispettoso, rendendoci capaci di essere di nuovo padroni delle nostre emozioni e quindi migliori.